AIDO Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) – Consiglio Regionale Valle d’Aosta

MEDAGLIA D’ORO AL MERITO DELLA SANITÀ PUBBLICA D.P.R. 15/01/1986 ISCRITTA AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO DELLA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE N. D3415 DEL 21/10/2009

Giornata Nazionale AIDO

Un Anthurium per l’informazione

Sabato 28 e Domenica 29 settembre p.v. si svolgerà la diciottesima Giornata Nazionale di informazione e autofinanziamento, promossa dall’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule
(A.I.D.O.) con l’adesione del Presidente della Repubblica.

I volontari dell’A.I.D.O. saranno presenti in oltre 1.400 piazze per incontrare i cittadini, dare loro informazioni sull’importanza della donazione come valore sociale e come opportunità per salvare la vita a chi non ha altre possibilità di sopravvivenza, offrire una piantina di Anthurium andreanum.

I volontari dell’A.I.D.O. Valle d’Aosta saranno presenti anche in Valle d’Aosta

– Venerdì 27 Settembre all’Ospedale Parini di Aosta dalle 09.00 alle 13.00.

– Sabato 28 Settembre a partire dalle 10.00 ad Aosta Piazza Chanoux, alle 18.30 alla Parrocchia Saint Martin des Corleans (grazie alla collaborazione con la FIDAS) e alla Désarpa di Valtournenche,

– Domenica 29 Settembre i volontari torneranno in Piazza Chanoux e saranno presenti anche all’uscita della Santa Messa delle 09.30 a Quart.

Nell’occasione i volontari AIDO saranno a disposizione per raccogliere le manifestazioni di volontà favorevoli alla donazione. Le offerte ricevute saranno finalizzate a ulteriori campagne informative e alla ricerca sui trapianti.

Silenzio-assenso – È questo il principio su cui entro un anno si baserà la donazione di organi nel nostro paese. Per legge ogni cittadino diventa quindi un potenziale donatore a meno che non comunichi ufficialmente di essere contrario. Si tratta di una riforma che si aspettava ormai da moltissimo tempo e che di recente ha avuto il via libera dal ministro della Salute Giulia Grillo, che ha firmato il decreto ministeriale che contiene le norme del regolamento sul Sistema Informativo Trapianti (Sit), previsto dalla legge n. 91 del primo aprile 1999.

Fino ad oggi, in Italia, quando una persona deceduta non ha dichiarato
esplicitamente il consenso alla donazione degli organi, si chiede ai familiari la non opposizione al prelievo.

«A volte per i familiari è una decisione difficile da prendere e in circa il 30% dei casi c’è un rifiuto» riferisce Massimo Cardillo, direttore del Centro Nazionale Trapianti (Cnt).
«Mentre con il silenzio-assenso, nel momento in cui non si dichiara nulla, nessuno si può opporre. L’obiettivo però – continua – è evitare contrapposizioni con i familiari e quindi informare bene tutti i cittadini. Così si sta facendo nei tre Paesi in cui il silenzio-assenso è in vigore, Gran Bretagna, Francia e Spagna».

AIDO grazie alla preziosa collaborazione dei suoi volontari, si impegna a diffondere le corrette informazioni sulla donazione anche alla luce delle prossime novità.

È possibile iscriversi ad AIDO inviando la propria adesione compilando il modulo scaricabile dal dal sito www.aido.it alla sede regionale di Aosta in Via San Giocondo 18 .

Condividi