L’importanza del dono del sangue nelle patologie oncologiche

Sabato 17 marzo 2018 alle ore 17:00 in Aosta, presso il Salone delle Conferenze della Banca di Credito Cooperativo Valdostana in via Garibaldi 3, si terrà un incontro di promozione e diffusione della cultura del dono del sangue su iniziativa deI Donatori di sangue della Fidas Valle d’Aosta: il tema “l’Importanza del dono del sangue nelle patologie oncologiche” sarà affrontato con interlocutori di grande competenza ed esperienza.
Partecipano ai lavori il Direttore della Struttura Complessa di Oncologia ed Ematologia Oncologica Dott.ssa Marina SCHENA, il Direttore della Struttura Complessa e del Dipartimento dei Servizi di Immunoematologia e Medicina trasfusionale dell’Azienda USL dott. Pierluigi Berti, Luigi Bertschy l’Assessore regionale alla Salute, sanità e politiche sociali Luigi Bertschy , il Direttore Medico della Fondazione CNAO (Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica) di Pavia dott.ssa Francesca Valvo e Carla Buzzelli Presidente dei Donatori di Sangue della Fidas Valle d’Aosta.
“Questo momento informativo e di incontro è rivolto a tutta la popolazione – afferma Carla Buzzelli – ed è teso a sottolineare in modo forte e chiaro l’importanza del dono del sangue quale gesto di solidarietà rivolta ai tantissimi pazienti che per incidente siano feriti sulla strada, sul lavoro, nell’ambiente domestico; a chi si sottopone ad interventi chirurgici programmati o urgenti; ai malati affetti da leucemia, talassemia, emofilia; ai trapiantati e ai tantissimi pazienti oncologici.
Da questo dibattito emergeranno importanti notizie e contenuti, unitamente ad una rinnovata capacità motivazionale per chi opera ed è già impegnato su questo fronte, da indirizzare a tutti i residenti valdostani e in special modo ai giovani, affinché si avvicinino e diventino volontari responsabili, associati e periodici donatori di sangue.
E’ nostro impegno associativo continuare a lavorare per rendere sempre più conosciuto e diffuso il dono del sangue gesto di alto valore sociale oltre che sanitario un dovere di solidarietà e di civiltà attraverso il quale nuove generazioni di donatori devono sentirsi coinvolte: il patto generazionale, indispensabile per garantire continuità e rinnovamento di risorse, è infatti un punto di centralità e di attenzione nelle attività Fidas VdA.
E senz’altro rinnoveremo anche in questa circostanza il nostro appello ai giovani valdostani affinché diventino donatori di sangue.
I Donatori ringraziano l’Assessorato regionale alla Salute, Sanità e Politiche Sociali e il Collegio Professionale Valdostano dell’IPASVI per aver concesso il patrocinio morale e gratuito all’evento.
La serata vedrà rappresentate eccellenze scientifiche del contesto valdostano affiancate dal contributo della dottoressa Francesca Valvo, Direttore Medico del Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica (CNAO) di Pavia, primo centro ospedaliero in Italia espressamente dedicato al trattamento dei tumori mediante l’adroterapia: una realtà unica in Italia e di eccellenza nel mondo. La Fidas VdA è particolarmente orgogliosa di aver organizzato un evento di questa portata informativa, promozionale, culturale e soprattutto utile: perché i progressi della scienza medica interessano tutti. Pertanto, aspettiamo un pubblico numeroso e interessato, giustamente curioso: la promessa è che torneremo a casa più consapevoli di quanto possa essere necessario, indispensabile, doveroso esprimere nel gesto del dono del sangue la nostra Umanità.”

Incontro con gli studenti

I Donatori di sangue e organi dell’Associazione “Silvy Parlato” 24 febbraio 2018 dalle ore 8:30 alle ore 11:30 hanno incontarto gli studenti delle terze classi della Scuola Media Statale di Variney di Gignod. Iniziativa inserita all’interno del progetto congiunto Fidas Valle d’Aosta Croce Rossa italiana Comitato di Aosta denominato ” Colleziona stili di vita sani, scegli il tuo futuro, scegli la vita .”
Donatori di sangue, volontari e Michele Mastrosimone, istruttore di guida e ideatore del simulatore di guida, hanno esposto agli studenti riflessioni e considerazioni circa gli adeguati stili di vita e le condotte di guida da osservare. Una mattinata all’insegna della responsabilità e del rispetto della propria e altrui vita.

Conferenza stampa XI campagna Fidas VDA

I Donatori di sangue della FIDAS Valle d’Aosta sabato 17 febbraio 2018 alle ore 10:30 presso la Sala Conferenze del Centro Servizi del Volontariato di via Xavier De Maistre 19 in Aosta terranno una conferenza stampa di presentazione della XI^ Campagna regionale 2018 di promozione e diffusione della cultura del dono del sangue denominata “Donare sangue: un impegno civico di autentica solidarietà”. Sarà altresì l’occasione per presentare in sede istituzionale il sito internet www.fidasvda.it – recentemente ultimato – attraverso cui l’associazione renderà accessibile una maggiore e più capillare informazione sulle attività di promozione e diffusione della cultura del dono del sangue, con una modalità più diretta e con un linguaggio perfettamente calato nell’attualità: obiettivo avvicinare ancora nuovi donatori soprattutto nella più giovane fascia di età.

Trofeo Dama Donatori di Sangue

Domenica 4 febbraio 2018 alle ore 14:00 presso la Cittadella dei Giovani in via Garibaldi ad Aosta prenderà il via la VII Edizione del Trofeo di Dama Donatori sangue FIDAS Valle d’Aosta intitolato alla memoria di “Paolo Costabile”. La FIDAS valdostana ringrazia la Famiglia Costabile e in particolare la vedova Mariangela Sgrò, rappresentante dell’omonimo gruppo dei donatori di sangue Fidas Media Valle, per aver accettato ben sette anni or sono, la proposta di intitolare al generoso marito, indimenticabile padre e poliziotto, il trofeo di dama. “L’evento ” afferma Carla Buzzelli presidente dei Donatori di sangue della FIDAS Valle d’Aosta, “ è l’ennesima occasione per ricordare la figura di Paolo Costabile e continuare a diffondere la cultura del dono anonimo, periodico, associato e gratuito del sangue e dei suoi componenti incoraggiando lo stare insieme, stili di vita corretti, momenti di aggregazione sani e senza sballo, l’amicizia e la solidarietà. L’iscrizione è aperta a tutti ed è obbligatoria e gratuita. Gli interessati, possono gratuitamente aderire facendo pervenite entro il 3 febbraio 2018 la propria iscrizione telefonando al 347/6152596 – 348/8418095, con wathapp o attraverso le piattaforme online Facebook, Twitter, Blog, Google+, INLinkedln. Il Direttivo valdostano dei Donatori di sangue valdostani della FIDAS ringrazia Paolo Faleo, ex Campione Italiano di Dama 2013 e presidente del Circolo Damistico di Aosta per la encomiabile collaborazione. A tutti gli iscritti, prima dell’inizio degli incontri sarà consegnato e illustrato il regolamento del trofeo. Durante il pomeriggio sarà allestito un momento di ristoro per i partecipanti e saranno premiati i primi tre classificati e rilasciati attestati di partecipazione per tutti i partecipanti.
Albo del Trofeo: I° Trofeo Regionale di Dama FIDAS 2012 assegnato a Meynet Siro,
la II Edizione quella del 2013 fu attribuita al giovanissimo Elia Cantatore,
la III Edizione del 2014 fu aggiudicata a Matteo Mirabello,
la IV Edizione del 2015 fu vinta dal giovanissimo Davide Zhou,
la V Edizione del 2016 fu aggiudicata da Davide Tamborin,
l’ultima edizione del 2017 fu meritatamente vinta da Elia Cantatore.

Scambio di auguri Natalizi

La Fidas VDA vi aspetta il 15 Dicembre 2017 alle ore 20 presso il l’Hotel Ristorante Monte Emilius per partecipare allo scambio di auguri Natalizi e di fine anno.

La vostra presenza, vorrà essere l’occasione per trascorrere insieme una serena serata all’insegna dell’amicizia e della condivisione del gesto del dono, quale impegno civico e di solidarietà.

E’ gradita la prenotazione entro il 10 Dicembre.
Quota di partecipazione : Euro 20

Vi aspettiamo numerosi !!

Vivere è stupefacente ma senza sballo

“VIVERE E’ STUPEFACENTE: MA SENZA SBALLO” questo è il titolo dell’incontro che
si è tenuto venerdì 21 aprile presso l’Aula Magna del Liceo Classico di Aosta organizzato da
FIDAS Valle d’Aosta. All’evento hanno partecipato le classi 4 A del Liceo Musicale, 4 A e 4
B del Liceo Artistico e II A e II B del Liceo Classico della Valle d’Aosta nell’ambito di un
progetto che ha visto coinvolti insegnanti, studenti, medici e rappresentanti dell’associazione FIDAS Valle d’Aosta e della Polizia di Stato.
La FIDAS Valle d’Aosta, associazione di donatori di sangue che quest’anno ha festeggiato i
dieci anni di attività in Valle d’Aosta, da diverso tempo sta portando avanti un’iniziativa di
sensibilizzazione rivolta ai giovani per l’adozione di stili di vita corretti, soprattutto quando
questi ultimi decidono di porsi alla guida di un autoveicolo. Lo scopo del progetto prevede,
innanzitutto, quello di lanciare un messaggio forte alle giovani generazioni sul tema delle
conseguenze derivanti dall’;abuso di sostanze alcooliche e dall’uso delle droghe. In concreto, l’obiettivo è quello di rendere consapevoli i giovani all’adozione di uno stile di vita sano e corretto prima di porsi alla guida di un autoveicolo, in quanto responsabili della propria vita e di quella altrui.
Nell’ambito dell’incontro, che si è svolto il 21 aprile scorso, sono stati analizzati alcuni
comportamenti di guida attraverso un’esperienza didattica, anche mediante l’utilizzo di un
simulatore di guida. Michele MASTROSIMONE, consigliere dell’Associazione delle
Polizie Italiane, referente per le attività sulla sicurezza stradale e istruttore di guida della
Polizia di Stato, è stato colui che ha reso possibile, insieme allo staff dell’associazione IPA,
lo svolgimento di tale iniziativa. Gli studenti hanno partecipato con vivo interesse alle
dimostrazioni video proposte dall’istruttore di guida Mastrosimone che, elencando
esperienze di guida, ha sollecitato i ragazzi ad un vivace dibattito in aula. I giovani hanno
potuto approfondire aspetti di una guida sicura e responsabile e meditare su alcuni
comportamenti scorretti tenuti alla guida di un auto o di un motoveicolo, sollecitati anche
dai suggerimenti di Mastrosimone.
L’attrattiva che ha suscitato un notevole interesse è stata la presenza, in aula, di un
simulatore di guida. Il software, con le fattezze di un videogioco, ha coinvolto gli studenti
che si sono alternati alla guida di un’autovettura, come in una sala giochi. I ragazzi hanno
potuto, così, simulare la guida di un autoveicolo alterata dall’uso di sostanze stupefacenti o
alcoliche oppure in condizioni di stanchezza. Tutti hanno potuto, in questo modo, constatare i danni che possono provocare, a sé o a terze persone, i soggetti che si pongono alla guida in condizioni psico-fisiche alterate; infatti, attraverso la simulazione di situazioni di guida alterata, il software ha suggerito agli studenti come rivedere alcuni comportamenti di guida, soffermandosi, per esempio, sulla rallentata percezione dei pericoli in soggetti in stato di alterazione psico-fisica.
All’incontro ha partecipato, inoltre, la dottoressa Silvia Magnani, infettivologa presso il
reparto Malattie Infettive dell’Ospedale “Umberto Parini” di Aosta.
La dottoressa Magnani ha illustrato i diversi tipi di droghe ad oggi conosciuti ed ha descritto
quelli che sono gli effetti devastanti che esse provocano sull’uomo, nel breve e nel lungo
periodo. Attraverso un approccio strettamente scientifico, la dottoressa Magnani ha sottolineato quelli che sono i pericoli derivanti dall’uso di sostanze stupefacenti, senza retorica e con lo scopo anche di sfatare falsi miti su un uso “innocuo” delle droghe.
La FIDAS Valle d’Aosta, considerata l’ampia partecipazione dei giovani a tale iniziativa,
intende proseguire in questo progetto ed auspica che le nuove generazioni diventino sempre più consapevoli che l’adozione di stili di vita corretti e sani producano un cambiamento, in positivo, della società.

Per non dimenticare Silvy e Nicole

Un sentito Grazie a tutti quanti voi che avete partecipato alla serata “per non dimenticare” Silvy e Nicole. Grazie ai Trouveur Valdotèn per aver allietato la serata con i loro canti popolari. Mercì bièn!